Felice Settimana Nazionale dell’Amicizia!

Molte persone entrano ed escono dalla tua vita. Ma solo gli amici lasciano un’impronta nel tuo cuore.

Per gestirti usa la testa, per gestire gli altri usa il cuore.

12039306_1696327027267846_1313607269809756531_n

Rabbia (in inglese Anger) dista solo una lettera da pericolo (Danger). Se qualcuno ti tradisce una volta, è colpa sua, se ti tradisce ancora, è colpa tua. Le grandi menti discutono delle idee; le persone medie discutono dei fatti; le piccole menti (s)parlano delle persone.

Chi ha perso soldi, ha perso molto; chi ha perso un amico, ha perso di più; chi ha perso la fede, ha perso tutto. Persone giovani e belle sono un incidente della natura.

impara-dagli-errori

Impara dagli errori degli altri. Non puoi vivere abbastanza a lungo da farli tutti tu.

Amici, tu ed io. Hai acquisito un altro amico. Ed allora siamo in tre!!

amici_gruppo1

E’ iniziato il nostro gruppo. Il nostro circolo di amici

Non c’è inizio e non c’è fine.

Ieri è storia. Domani è mistero. Oggi è un dono.

Annunci

Mio Malgrado

Assunto mio malgrado nella fabbrica delle idee mi sono rifiutato di timbrare il cartellino Mobilitato altresì nell’esercito delle idee ho disertato. Non ho mai capito granché Non c’è mai granché né di piccolo ne di grande.

perche-contiamo-le-pecore

C’è altro. Altro; vuol dire che amo chi mi piace e ciò che faccio.

Quindi…fb_img_1482276375874

Roberto C.

Il Volontario

Eh già… sono un volontario,

Faccio parte di un, opss di più associazioni di volontariato.

Se aiuti gli altri, verrai aiutato. Forse domani, forse tra un centinaio d’anni, ma verrai aiutato. La natura deve pagare il debito. È una legge matematica e tutta la vita è matematica.
(Georges Ivanovič Gurdjieff)1463290_999634320095851_3921258129411013885_n

Volontariato… vuol dire donare un po del nostro tempo per chi rischia di non averne più!
(Anonimo)

Lo sai che…

Lo sai che chi appare molto forte nel cuore, é invece debole e suscettibile? Lo sai che quelli che spendono il loro tempo proteggendo gli altri sono quelli che hanno più bisogno di qualcuno che li protegga? Lo sai che le 3 cose più difficili da dire sono:

Ti Amo 

Scusa

Aiutami
fdgjhrrv

Lo sai che chi veste in rosso è più sicuro di se stesso? Lo sai che chi veste in giallo è contento della sua bellezza? Lo sai che quelli che si vestono di nero sono quelli che non vogliono essere notati e hanno bisogno di aiuto e comprensione? Lo sai che quando aiuti qualcuno, lo stesso aiuto ti ritorna?


12039306_1696327027267846_1313607269809756531_n

Lo sai che é molto più facile dire quello che provi scrivendolo a qualcuno, invece di dirlo in faccia?

 big-smile-emoticon-26256350

Però lo sai che ha molto più valore quando lo dici in faccia? Lo sai che se chiedi qualcosa in onestà i tuoi desideri vengono esauditi? Lo sai che puoi far sì che i tuoi sogni diventino realtà, come innamorarsi, diventare ricchi, stare bene di salute?

Se lo chiedi con fede, e se lo sai, sarai sorpreso da quello che tu puoi fare.  

Natale 2016

Chrismass theme

Che bello il Natale. L’albero addobbato, il presepe, la neve soffice e candida, il panettone soffice ….

E poi Babbo Natale… i doni sotto l’albero, il sorriso dei bambini… Le canzoni e le poesie che finiscono tutte con “…e porta la pace io tutto il mondo”…

Tenero vero? Un’atmosfera unica…

Quasi commuovente…..se non fosse per

QUELL’INSOPPORTABILE CAGATA DI RENNA SUL PIANEROTTOLO.

Buon Natale!

Nebbia in Val Padana

duomo_milano_nebbia-1

Invece di far i soliti auguri di buone feste a tutti i miei followers, e in occasione del tempo che imperterrita nel mio profondo nord dove risiedo, pubblico uno stralcio di canzone famosa negli anni passati a tema con questo clima.

meteo-milano-previsioni-250116

Che cos’è questa nebbia in Val padana,
è un fenomeno dell’umidità,
se rimani intrappolato dentro
si incasina la mentalità…

Nebbia in Valpadana,
come una sottana,
sotto tanti affari,
calmi gli altri mari,
nebbia in Valpadana,
sposta la sottana,
un po’ di posto anche per me,
nebbia in Valpadana,
togli sta sottana
voglio far l’amor con te.

Uccelli che tossiscono,
piccioni che stramazzano,
i cani fan la cacca
ci vuole la paletta,
le lucciole passeggiano,
i viado si assomigliano,
le macchine si fermano,
gli autisti non esistono,
modelle che sculettano,
culetti che stilistano,
i sindaci che si spogliano,
i nobel non li vogliono.

Cochi P.- Renato P.

UN MILANESE A MILANO

 

Hai sentito cos’è successo?

Una cosa straordinaria.

L’ho saputa proprio adesso:

l’hanno trovato col naso per aria.

Era in piazza del duomo

Che non sapeva più cosa fare,

girava metro per metro,

ma non sapeva dove andare.

 

Hai sentito cos’è successo?

Una cosa eccezionale!

Non mi sembra vero anche adesso.

È arrivato il Telegiornale!

Son venuti i giornalisti,

per cercare di farlo parlare.

Gli hanno fatto l’intervista,

ma non c’è stato niente da fare.

 

Ma alla fine si può sapere cosa è successo, porco d’un cane?

Hanno trovato un milanese qui a Milano!

Ma và?

Hanno trovato un milanese qui a Milano. 

Lui cercava di parlare,

ma nessuno lo capiva.

Dopo un po’ l’hanno lasciato stare.

Si perché se no moriva.

Era tutto pieno di baresi,

piemontesi e siciliani….

E se nò erano genovesi,

calabresi o veneziani!

 

C’era fino un Zulù

e uno della Polinesia.

Dello Zambia erano in due;

C’era uno della rodesia.

C’era chi parlava il turco,

chi parlava l’australiano,

ma nessuno che parlasse

il dialetto di milano!

E per forza! Chi poteva sospettare , porco d’un cane,

di trovare un milanese qui a milano!

Eh già!

Di trovare un milanese qui a milano.

L’uomo d’oggi..

Arrivato a casa, si siede sulla sua poltrona e finalmente può leggersi il giornale, stampato con caratteri inventati dagli antichi semiti, su di un materiale inventato in Cina e secondo un procedimento inventato in Germania.

2925930-il-vecchio-la-lettura-del-giornale-seduti-in-una-poltrona-archivio-fotografico

Mentre legge, si lamenta con la moglie del fatto che ci sono molti stranieri nel nostro paese, e che se va avanti così non si sa dove si andrà a finire la nostra democrazia, che risale alla Grecia antica. Per fortuna, dice ringraziando una divinità ebraica, qui, nel nostro condominio, non ci sono stranieri.

Mudec – Milano Dicembre 2016