Vero Blogger.Puntata 2: dall’amore.. all’Odio.

Invece queste sono le cose che odio di più nella vita.

  • Quando ti vedono scrivere con la mano sinistra e fanno quella stupida, ma scontatissima domanda… : “ ah, ma sei mancino??”.

  • Quando, sei al telefono e con una terza persona che parla di fianco, chi ti suggerisce cose da dire, ma stando già ascoltando la persona che ti parla al telefono, non capisci più niente. ( panico totale)

  • Sei single e ti senti dire: “ Ma perché non ti trovi una ragazza??”, oppure, “ Semplice, basta uscire per trovarne una” (!).

  •    Essendo disoccupato da tempo, una frase al quanto fastidiosa: ” Ma perché non ti trovi un lavoro?

 (Come se fosse facile, per loro è come negli anni ’70 che bastava uscire di casa che le fabbriche ti venivano a cercare loro).

hmm-fammi-pensare-un-po

 

 

Una strana pallina

 

C’ era una volta una strana pallina, fatta di uno strano materiale. Avvolta di pelle, ma al suo interno un qualcosa di strano.

Viveva attaccata da un lato ad una sua gemella, al di sopra di esse una c’era specie di tronco molto strano.

Era anche lui avvolto di pelle, ma internamente cerano fibre muscolose. Era un tronco delle dimensioni e misure variabili, ma nessuno sapeva il perché.

Un giorno domandò alla sua gemella: “ Ma che cosa sarà questa cosa che abbiamo sulla testa?”.

Ma anch’essa non seppe rispondere.

Era un tronco strano, emetteva uno strano liquido, di colore giallastro, ma a volte era di colore bianco.

A questo proposito alla pallina venne uno strano dubbio: “Non saremo mica due ….?” Si domandò. Ma ancora una volta nessuna risposta da parte della sorella.

Vivevano tutti e tre in un casolare fatto di cotone, senza alcuna finestra o porta, senza  stanze. Per loro fortuna ogni tanto qualcuno si degnava far loro prendere un po’ d’aria

Caro figlio…

CARO FIGLIO MIO…
IL GIORNO IN CUI MI VEDRAI VECCHIO ABBI PAZIENZA E CERCA DI COMPRENDERMI..

3d-old-man-walking-stick-27589722

SE MI SPORCO QUANDO MANGIO E NON RIESCO A VESTIRMI- RICORDA IL TEMPO CHE HO TRASCORSO AD INSEGNARTELO-

SE, QUANDO CON TE RIPETO SEMPRE LE STESSE COSE.. NON MI INT…ERROMPERE ASCOLTAMI..

QUANDO ERI PICCOLO DOVEVO RACCONTARTI OGNI SERA LA STESSA STORIA FINO A CHE NON TI ADDORMENTAVI-

QUANDO LE MIE GAMBE STANCHE NON MI CONSENTONO DI TENERE IL PASSO.. NON TRATTARMI COME SE FOSSI UN PESO VIENI VERSO DI ME CON LE TUE MANI FORTI .. NELLO STESSO MODO IN CUI L’HO FATTO CON TE QUANDO MUOVEVI I PRIMI PASSI-

IN CAMBIO TI DARO’ UN SORRISO E L’IMMENSO AMORE CHE HO AVUTO PER TE.

Riflessioni di un cane….

Io non rubo e l’uomo sì, eppure nei negozi c’è scritto: E’ vietato
l’ingresso ai cani.

Io non bestemmio e l’uomo sì, eppure in Chiesa è
scritto: Vietato l’ingresso ai cani.
Io non baro e non do scandalo,
l’uomo sì, eppure in Parlamento è scritto: E’ vietato l’ingresso ai
cani.

Io non ho mai fatto una guerra e l’uomo tante, eppure è d’uso la scritta: Attenti ai cani.
Io non chiedo tangenti in cambio del mio
“operato”, l’uomo sì, eppure mi tocca andare in giro con il guinzaglio,museruola e la paura di essere abbandonato.
Specialmente quando l’uomo
decide che IO sono un peso (natale, Pasqua, ferie).

Pensate, l’uomo si comporta così anche con i suoi simili, quando questi non hanno più la forza per difendersi,perché troppo vecchi ed inutili….

Allora chi di
noi è “cane” realmente ????
 

Silenzio….

TROPPO DEPRESSO X SCRIVERE QUALCOSA…
Quindi… rimango in silenzio, il silenzio è oro, il silenzio può significare tutto o nulla…
 
Antico proverbio " Del bel tacer non fù mai scritto!"
 
Io rimango zitto…..Con quella voglia assidua di fare come gli spermatozoi con le valigie in mano. 
 
Xchè tutto questo??… CHI HA ORECCHIE X INTENDERE….. INTENDA!!
 
Ho già scritto troppo! Ciaoooooo Bye byeeeeee! Kisss (a "chi" se lo merita)!

Metamorfosi

Nella vita ho dovuto essere
come un lupo affamato
che vaga per i boschi.
Non ci sono prede
per saziare la mia fame.
Non c’è acqua
per saziare la mia sete.
Non c’è una compagna
per lenire la mia passione.
Non c’è nemico, infine
per scaricare la mia furia.
Non mi resta che trasformarmi in allodola,
cantare al sorgere dell’aurora
e riposarmi sui rami del pesco ancora in fiore.