Poesia Mono Vocalica..E

Venere splende nelle tenebre.

Che belle stelle, degne delle dee.

Tenente fervente freme per le bellezze berbere.

Mercedes mette mele renette, pere e pesche nel cestel per le merende del pretendente.

Creme e crespelle prescelte per dessert.

Servente prende le sberle per le beffe espresse precedentemente.

Servente legge decentemente leggende per le serene gemelle.

Lele legge eccellente best seller.

Annunci

Jim Morrison dixit

Vivi come se dovessi morire domani e pensa come se non dovessi morire mai
Jim Morrison
—-
Siamo buoni a nulla, ma capaci di tutto.
Jim Morrison
——
Se non hai ragione per vivere non trovarne una per morire.
Jim Morrison 
-.-.-.-.-.-.-.-
Non c’è notte tanto grande da non permettere al sole di risorgere il giorno dopo.
Jim Morrison

No. Mi dispiace, ma No.

No. Mi dispiace ma no.

Non voglio donare soldi per “un aiuto subito” alle vittime del nubifragio. Non voglio mandare nessun SMS “solidale” da 2 euro a nessun numero speciale.
logo-sms-solidali-300x141
E poi mi chiedo, di quei 2 euro che mando con un SMS (maniera estremamente rapida per pulirsi la coscienza e/o sentirsi solidali e utili) quanti arrivano effettivamente a destinazione? C’è una quota trattenuta dall’operatore per il servizio? Ci si paga l’iva? Ci sono altre tasse nascoste? Quanti se ne perdono per strada prima che arrivino effettivamente a chi sono stati destinati?

Non voglio “fare un gesto semplice ma che può cambiare molto”, come tra poco diranno noti esponenti dell’italico actor studio in pubblicità progresso sempre uguali, qualunque sia il tema.

Io voglio, pretendo, esigo, che i soldi delle mie tasse siano usati per prevenire le disgrazie.

Voglio che i soldi delle mie tasse vengano utilizzati per studiare i cambiamenti degli eventi atmosferici e capire che cosa sia “normale” e “prevedibile” a fine 2016, perché sono stufo di sentire tutti gli anni che “è stato un evento eccezionale”.

Voglio che i soldi delle mie tasse vengano utilizzati per preparare infrastrutture locali di regimazione delle acque in base alle caratteristiche del meteo del 2016, non del 1973.

Voglio che i soldi delle mie tasse vengano utilizzati per mantenere efficienti le infrastrutture per la difesa del suolo.

Voglio che i soldi delle mie tasse vengano utilizzati per una mappatura puntuale e aggiornata del territorio nazionale, metro quadro per metro quadro.

Voglio che i soldi delle mie tasse vengano utilizzati per evitare abusi edilizi e disprezzo delle leggi di protezione dell’ambiente, non per condoni edilizi.

Voglio che i soldi delle mie tasse non vadano in tasca a chi di sicuro lucrerà sulla pelle dei Sardi, e che ha già lucrato su quella di Liguri, Veneti, Campani e molti altri Italiani negli anni scorsi.

Non voglio che ci sia qualcuno, in questo paese, che abbia bisogno di ricevere soldi con un SMS

Poesia Mono Vocalica.. A

Da Cam varata, l’arca par adatta
a star a galla, l’han calafatata!
L’altra arzza d’Adam, malnata, matta,
da Satana bacata, andrà dannata.

Allagata sarà l’alma savana,
la masnada pagana andraà ammazzata.
Apax salva sarà la barca strana,
stalla al caval, al can, alla sbadata
vacca, al chat, al rat, alla salangana.

Passata la bagnata, la gran landa
sarà arata, amalgamata, sana.

Ballarà all’Ararat la sarabanda
d’Adam la razza affrancata, arcana,
dal gran navarca fatta santa, amanda.

Poesia Mono vocalica.. O

Ho l’orto
Non sono solo, sono con otto.
Con otto? Non so…
Solo solo lo poso, solo lo sgobbo.
Con loro otto lo colgo.
Con loro otto, porco mondo, lo godo.
Solo pongo orzo, sorgo, porro, pomodoro.
Non con loro!
Solo lo poto, lo sgombro, lo coccolo,
lo contorno col fosso
sgombro lo scolo, lo sormonto col dosso,
fo l’orco con lo storno o col topo col corvo,
col colombo o col tordo…
Oh, non lo scordo.
Sono stronzo?
No! Lo sono loro…

Se Sapessi che…


Se sapessi che è l’ultima volta che ti guardo mentre ti addormenti, ti rimboccherei meglio le coperte. E chiederei a Dio di vegliare sulla tua anima .
 sapessi-1

Se sapessi che è l’ultima volta che ti vedo uscire dalla porta, ti abbraccerei e ti bacerei per poi richiamarti per un altro bacio ancora

Se sapessi che è l’ultima volta che sento la tua voce registrerei ogni gesto e ogni parola, così da poterli rivedere, giorno dopo giorno.
20161016_171256

Se sapessi che è l’ultima volta in cui posso fermarmi per un momento , per dirti „Ti voglio bene“ invece di andarmene, dato che lo sai, che ti voglio bene.

Se sapessi che è l’ultima volta che posso essere lì, per passare la giornata con te, perché sono sicuro, che ci saranno ancora giorni in cui potremo farlo. cosicché io possa lasciar trascorrere questa .

Ci sarà sempre una mattina in cui commetteremo degli errori e in cui avremo bisogno di una seconda possibilità per mettere apposto le cose.

Ci sarà sempre un altro giorno per dire „Ti voglio bene“ e ci sarà sempre un’altra possibilità per dire “Posso fare qualcosa per te?”

img-20160823-wa0002

Ma nel caso avessi torto e ci fosse rimasto solo oggi

Vorrei dirti che ti voglio bene e che spero che non ci dimenticheremo mai

Il Domani non è stato promesso a nessuno,

giovane o vecchio, e oggi potrebbe essere l’ultima possibilità che abbiamo di tenerci stretta la vita.

 

Così perché non fai oggi quello che rimandi a domani?

A volte Domani non arriverà mai.

12039306_1696327027267846_1313607269809756531_n

Ti pentirai profondamente di non esserti preso del tempo, per un sorriso, un abbraccio o un bacio e di essere stato troppo occupato, per offrire a qualcuno quello che poi avrebbe espresso come ultimo desiderio.

Ricordati dei tuoi cari oggi e sussurragli nell’orecchio, dì loro, quanto li ami. e quanto li amerai sempre.

Prenditi il tempo per dire „Mi dispiace“ “Ti prego ascoltami “, “Grazie”, o “E’ tutto apposto” e se non ci sarà nessun domani non ti pentirai di quello che hai fatto oggi.

 

Perché penso..?

Un’idea.. un concetto.

Finché resta un’ Idea, è soltanto un’ Astrazione,se potessi mangiare un’ idea, avrei fatto la mia Rivoluzione.
Ogni tanto mi passano per la testa cose strane. Spaparanzato sul letto, mezzo addormentato, penso…
2433063117Da dove nascono le idee e i pensieri??

 

 

 

Penso… siamo materialmente astratti.
Mi chiedo… perchè penso?

Da un corpo materiale nascono una marea di pensieri che derivano da non so cosa. Una sola opzione mi viene in mente: le idee e i pensieri si creano da soli. Mi rendo conto che siamo più pensiero che materia. Pensiero che non è controllato da noi, che una minimissima parte di esso può forse essere sorvegliato. Molte volte, per cui, il controllare i pensieri non ci riesce e si scopre che non siamo padroni di noi stessi nel senso astratto. Come riscontro si ha la vita reale. Una razionalizzazione del pensiero innato si concretizza in ciò che facciamo. Una mente che riesce a mettere d’ accordo i suoi pensieri con la vita terrena è matura e da ammirare. Quella che non ci riesce è da capire.

Roby

Pensierino di fine settimana

Questa settimana mi sono reso conto di quanto la gente, pur non avendo
realmente nulla di serio di cui lamentarsi, riesca comunque a farsi
assurde paranoie/seghe mentali, per delle emerite cazzate (me compreso
purtroppo).

perche-contiamo-le-pecore

Me ne sono accorto di questo, sia al lavoro, sia a casa e
sia da certi problemi che mi creo, ma che in realtà problemi non sono,
bensi solo cose da chiarire (cosa farò da grande, etc.).

come-rilassarsi-prima-di-dormire-trucchi-per-addormentarsi-velocemente

 

Sto prendendo l’abitudine, quando sono a letto prima di addormentarmi,
di ripercorrere dentro di me la giornata appena trascorsa, cercare di
capire se ho fatto degli errori, detto delle cose sbagliate, offeso
qualcuno e cosi via…

Credo questo mi possa aiutare a migliorarmi sia
nei miei confronti, sia con i miei genitori, con gli amici e con tutti
quelli che verranno.

 

L’acqua

L’acqua che passa fra il fango di certi canali

tra ratti sapienti e pneumatici e ruggine vetri

chissà se è la stessa lucente di sole o fanali

che guardo oleosa passare rinchiusa in tre metri.

acqua-che-bolle-1024x640

Ma l’acqua gira e passa e non sa dirmi niente di gente, me, o di quest’ aria bassa;

ottusa e indifferente, cammina e corre via lascia una scia e non gliene frega niente.

L’acqua passa e gira colora e poi stringe,

cos’è che mi respinge e m’attira; acqua come sudore, acqua fetida e chiara, amara senza gusto ne colore.

acqua-azzurra

E mormora e urla, sussurra,ti parla e ti schianta, evapora in nuvole cupe rigonfie di nero, cade e rimbalza e si muta in persona od in pianta, diventa di terra, di vento, sangue e pensiero.

F.Guccini.